27 settembre 2013 Dermatologia estetica 4 commenti - Commenta ora

PRP: plasma arricchito di piastrine per la caduta dei capelli

Il PRP viene impiegato per il trattamento di patologie del cuoio capelluto che stanno alla base della perdita di capelli, come l’alopecia androgenetica (o calvizie), l’alopecia areata e l’alopecia cicatriziale, anche in forme non rispondenti ad altri trattamenti.

PRP è l’acronimo di Plasma Ricco di Piastrine, materiale biologico definito “autologo”, poiché ottenuto dalla centrifuga del sangue prelevato dal paziente stesso.

La tecnica prevede l’esecuzione di un prelievo di sangue, evitando manipolazioni ed agendo in totale sterilità; dopo centrifugazione, si ottiene un siero ricco di fattori di crescita per i capelli con una concentrazione di piastrine da 3 a 5 volte rispetto all’originario. Il siero ottenuto viene quindi iniettato in regione sottocutanea nelle zone dove si osserva il diradamento dei capelli, stimolando le cellule staminali e favorendo il ripristino dei bulbi normo-funzionanti. Nell’arco di alcune settimane, i capelli cominciano a ripresentarsi più sani e folti.

Il trattamento dura circa 1 ora, e può essere effettuato in ambulatorio. La metodica non presenta alcun rischio di rigetto in quanto il siero è dello stesso paziente. Per garantirne l’efficacia, la procedura va ripetuta 3-4 volte all’anno.

La grande quantità di fattori di crescita (in particolare TGFBeta e PDGF) contenuti all’interno del PRP lo rende un materiale idoneo al trattamento di vari quadri dermatologici, dall’estetica, alla tricologia, alla vera e propria patologia.

Sara Bassoli Scritto da

COMMENTI

  1. Marisa ha detto:

    Buon giorno, ho 57 anni e mi è stata diagnosticata alopecia androgenetica da diversi anni. Dopo alcuni anni di terapia con finasteride, senza risultato, ho scoperto il PRP. Ho però un dubbio: se la mia papilla dermica del follicolo capillifero contiene un numero di recettori per gli ormoni androgeni molto più elevato della norma, lo sarà anche dopo PRP? Quindi sempre destinati a cadere?
    Grazie

    • Simona Schianchi ha detto:

      Buongiorno Sig.ra Marisa chiedo scusa per il ritardo nella risposta, capisco perfettamente il suo disagio per una patologia che, nelle donne, è particolarmente sentita.
      Per prima cosa occorrerebbe fare una valutazione del suo grado di alopecia per capire l’effettivo fallimento delle terapie che Lei ha già effettuato.
      Il PRP (plasma arricchito di piastrine) non fa altro che stimolare l’attività delle cellule staminali dei bulbi piliferi presenti, ma silenti o sofferenti, lavorando su una fase chiamata KENOGEN del ciclo del pelo, iniettando fattori di crescita TGFBeta e PDGF.
      Quindi si cerca di ottenere un miglioramento estetico non visibile nell’immediato, ma nel tempo e un rallentamento dell’attività di quegli ormoni di cui lei accennava nella sua domanda.
      Pertanto il suo dubbio è lecito! l’alopecia androgenetica è una patologia progressiva e cronica, ma seguendo le indicazioni dei dermatologi è possibile rallentarla e migliorare l’aspetto sicuramente.
      La invito a provare la PRP.
      cordiali saluti
      Dott.ssa Simona Schianchi
      Skincenter
      Modena

  2. Maria Teresa ha detto:

    Salve sono una donna di 62 anni a cui due anni fa è stata diagnosticata la fibrillazione atriale e da allora sono in cura con cordarone 200 mg 5 giorni su 7 e Xarelto 15 mg al giorno. Con l’assunzione di questi farmaci sto notando una continua perdita e diradamento dei capelli. Chidevo pertanto se il metodo PRP fosse adatto al mio problema. Grazie e cordiali saluti

  3. Simona Schianchi Simona Schianchi ha detto:

    Buongiorno sig.ra Maria Teresa,
    per capire effettivamente se la PRP possa migliorare il suo problema occorrerebbe una valutazione “in vivo” dei suoi capelli.
    Le consiglierei di fare al più presto una visita dermatologica dato che, oltre alla PRP, esistono diverse terapie altrettanto efficaci.

    Cordiali saluti
    Dott.ssa Simona Schianchi
    Skincenter
    Modena

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *