6 luglio 2013 Tecniche Nessun commento - Commenta ora

Biopsia cutanea

La biopsia cutanea consiste nel prelievo di una porzione di cute interessata da una lesione, di cui si vuole accertare la natura. Tale procedura viene effettuata ambulatorialmente.

Prima di procedere al prelievo viene iniettata una piccola quantità di anestetico locale nella sede del prelievo, dopo di che si effettua la asportazione di pochi mm di cute (da 3 a 6 mm di diametro) con bisturi o punch, quindi si effettua una piccola sutura.

La porzione di cute asportata, messa sotto formalina, viene inviata ad un servizio di anatomia patologica per essere esaminata.

Tale metodica permette di valutare la benignità o malignità di una lesione ed è utile per fare diagnosi in caso di patologie cutanee di difficile interpretazione.

TAG:  
Alessandra Grandi Scritto da

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *